30 -May -2020 - 21:25

Cerca


Inserisci la tua mail:

Delivered by FeedBurner

Il questionario di Holden: Fabrizio Malagoli

Nome e cognome: Fabrizio Malagoli
Città: Modena
Autrice di: Katàbasis. La rinascita

100 battute per dire lei chi è.
Mi chiamo Fabrizio Malagoli, ho 22 anni e sono nato a Modena. Scrivo principalmente Fantasy.

Scrittore per passione, professione nella vita?
Lavoro come segretario in diversi studi medici e nella cooperativa della mia città. Mi piace molto e entro a contatto con molte persone ogni giorno. Il mio sogno più grande sarebbe vivere di scrittura, crescere sino a che tutti possano leggere quello che scrivo.

Quali sono le passioni della sua vita oltre alla scrittura?
Non molte, a eccezione della musica, di cui non posso fare a meno.

Quali tematiche affronta con la sua scrittura?
Si cerca di creare qualcosa in cui il lettore riesca a immedesimarsi. Cerco sempre di parlare la sua lingua, di emozioni, di sentimenti e di atti di grande coraggio. Affrontare temi come l'amore, l'amicizia, la salvezza, la forza sono per me fondamentali. I valori cristiani, le piccole cose che ci hanno trasmesso i nostri genitori e i nostri nonni... queste storie del quotidiano sono quello che cerco di riportare con fantasia e dinamismo.
Cerco di dare voce a personaggi il cui punto di vista non è affrontato; anche nei miei lavori non di genere storico, mi impegno a trasmettere il messaggio che nessuno è interamente buono o cattivo, ma ognuno ha le sue ragioni per agire nel modo in cui agisce. Tendo a dedicare largo spazio all’analisi delle relazioni interpersonali. Voglio dare una mia visione dell’esistenza, non troppo ottimistica per la verità, ma che spero spinga alla riflessione. 

Un buon motivo per leggere il libro?
Di motivi ce ne sono tanti e non ce ne sono. La letteratura Fantasy può non piacere, l'unico motivo che posso darvi è che viviate un'avventura diversa dal solito, che essa vi faccia uscire dalla monotonia di ogni giorno. Spero di motivarvi nel leggere quello che ho scritto e che possiate viverlo, vero sulla vostra pelle.

Se potesse fuggire su un’isola deserta…
Penserei ad altre storie e romanzi, mi metterei in contatto con la natura che dà ispirazione. La natura che crea e distrugge l'uomo.

Il suo modello d’ispirazione…
Molti sono gli scrittori che mi hanno ispirato. Devo ringraziare però Asimov che mi ha accompagnato e cresciuto nella mia infanzia. Tolkien rimarrà il punto fisso per ogni scrittore fantastico, avendo dato vita all'opera più bella dei nostri tempi. Mi sento vicino a Steven Erikson come incisività e descrizione, riveste però un ruolo importante anche la flessibilità e l'intimità di Robert Jordan, facilmente rintracciabile nella ruota del tempo.

Consigli di lettura…
Un libro si legge per passare del tempo di qualità, per divertirsi e immedesimarsi in quello che lo scrittore vuole che il lettore veda. Leggete con passione e immergetevi in quello che leggete, l'immaginazione è il più potente dei mezzi per viaggiare con la mente.

Si faccia una domanda che vorrebbe le fosse stata posta e si dia una risposta.
È contento della sua pubblicazione e di essere in una casa editrice come la Giovane Holden?
Sono molto contento, è una cosa che ho sempre sognato e quando mi sono iscritto al concorso non mi sarei mai aspettato che La rinascita potesse arrivare in finale. Sono contento di essere sotto la guida della Giovane Holden che è molto valida e nella quale mi trovo molto bene. Un lavoro eccellente che non può essere contestato, fatto da persone deliziose e che credono molto nelle capacità dei giovani cosa che oggi forse ci si dimentica. In conclusione sono molto soddisfatto e spero che la nostra collaborazione porti sì a qualcosa di concreto per entrambi, ma anche che continui per questa bella strada intrapresa.