19 -June -2019 - 07:21

Cerca


Inserisci la tua mail:

Delivered by FeedBurner

"Il mito vegetariano" di Lierre Keith

Cibo, giustizia, sostenibilità: non bastano le buone intenzioni

Un pamphlet coraggioso e polemico che rovescia molti luoghi comuni sulla nostra alimentazione  

«Non è stato un libro facile da scrivere, e per molti non sarà facile da leggere. Sono stata vegana per quasi vent’anni, animata da ragioni nobili e dal desiderio di salvare il pianeta, la sua natura selvaggia, le specie in via d’estinzione, e di non partecipare all’orrore degli allevamenti intensivi. Non volevo che il mangiare significasse uccidere animali. Insomma, sono stata anch’io vittima del mito vegetariano e dei suoi molti malintesi. Intendiamoci, coltivo ancora gli stessi ideali, mi batto per la salvezza del nostro pianeta. Ora però, forse anche a causa dei danni che la mia alimentazione estrema mi provocava, ho aperto gli occhi. E ho capito come funziona il ciclo vitale, e quanto sia giusto, ma anche crudele. Ho capito che l’agricoltura, lungi dall’essere la soluzione, è l’attività più distruttiva che gli esseri umani abbiano imposto al pianeta e comporta la distruzione di interi ecosistemi. La verità è che la vita non è possibile senza la morte, e che – indipendentemente da ciò che mangiate – qualcuno deve morire per alimentarvi».  Lierre Keith 

"Il mito vegetariano" di Lierre Keith, Sonzogno, 317 pagine. Traduzione di P. Perucci