19 -June -2019 - 07:24

Cerca


Inserisci la tua mail:

Delivered by FeedBurner

"Into the wild truth" di Carine McCandless



Un libro coraggioso, autentico.
 Ecco le prime cose che spontanemaente mi vengono in mente se doveste chiedermi cosa ne penso di "Into the wild truth" di Carine McCandless, sorella di Chris McCandless, il giovane ragazzo scomparso nel 1992 in Alaska dopo un viaggio - necessario - dentro se stesso.
Prima dell'uscita del film di Sean Penn nel 2007, ispirato al libro di Jon Krakauer "Nelle terre estreme" (Edizioni Corbaccio), non sapevo niente della storia di Chris, non sapevo niente dell'Alaska e forse sapevo ancora poco di me stesso. La storia di Alex (così si faceva chiamare Chris durante il suo "viaggio") in Italia era sconosciuta e ciò che allora più mi aveva colpito dalla lettura del libro, prima, e dalla visione del film, dopo, fu la straordinaria forza, l'incredibile coraggio che aveva dentro quel giovane ragazzo, deciso a dare una svolta alla sua vita, forte delle sue capacità e inflessibile nelle sue convinzioni. Allontanandosi dalla sua famiglia, in particolare dai suoi genitori distruttivi, aveva scoperto così tanto di se stesso in mezzo a quei paesaggi innevati e immerso completamente nella natura. Aveva compreso la vera essenza dell'amore, a lui così sconosciuta o riconducibile soltanto al suo profondo attaccamento alla sorella Carine.
Continua...  E Carine, dopo tutti questi anni, dopo aver deciso di tacere molto (quasi tutto) sulla storia familiare sua e di Chris ai tempi dell'uscita del libro e del film, ha deciso di seguire la voce del fratello che ancora è radicata dentro di lei e sempre lì potrà trovarla. Ha deciso di seguire la Verità.
"Into the wild truth" è un libro sulla Verità, sulla famiglia e sull'amore, un amore che però a volte - nel caso di Carine spesso - è stato stravolto, non capito, malato, morboso, distrutto, riconciliato e di nuovo a pezzi. Un libro sui rapporti familiari così complessi e sulle diamiche madre/padre/figli a volte tremendamente sfinenti. Ma soprattutto questo è un libro sul coraggio e Carine nella sua vita ne ha dimostrato tanto, verso gli altri, per gli altri e verso se stessa e la propria vita familiare. Carine racchiude in sé tutto lo spirito combattivo di Chris, pronta a non arrendersi mai di fronte a enormi difficoltà, attraverso la perdita del fratello, attraverso il tumultuoso rapporto con i genitori e a continui ostacoli che la vita le ha posto dinanzi. 
Sono convinto che scrivendo questo libro Carine abbia fatto una gran fatica, raccontanto la verità sulla sua famiglia e ricordando il fratello Chris, ma credo che abbia capito molto su se stessa scrivendo queste pagine e sicuramente traspare dalle sue parole tutta la sofferenza che ha vissuto nella sua vita. Ma Carine è in piedi, ancora e dopo tutto e, sicuramente, questo è il messaggio più forte che ci portiamo dietro al termine della lettura del libro.

"Into the wild truth" di Carine McCandless, Corbaccio, 375 pagine