18 -June -2019 - 01:21

Cerca


Inserisci la tua mail:

Delivered by FeedBurner

"Il libro selvaggio" di Juan Villoro

Il-libro-selvaggioChi leggerà il libro selvaggio?
Un romanzo surreale, fantastico, unico e speciale

Juan, nel labirinto della biblioteca dello zio Tito, il bibliofilo più pazzo del mondo, scopre che i libri hanno una vita propria, che ci sono libri con una forte personalità. Libri che si scelgono i lettori, e non viceversa. E libri che rifiutano di farsi leggere. Alcuni addirittura cambiano contenuto a seconda di chi li legge. Altri, invece, si nascondono e si lasceranno leggere solo da un lettore speciale… Un predestinato capace di catturarlo e svelare il segreto che nasconde. Una sorta di elogio del libro come specchio dell’umanità inteso come esperienza di vita capace di cambiare la visione del mondo a chiunque si accinga alla lettura.

"Il libro selvaggio" di Juan Villoro, Salani Editore, 218 pag.
 

"Bambino 44" di Tom R. Smith

Bambino-44Russia 1953. Il crimine non esiste. Chi ha ucciso allora 43 bambini?
Al suo esordio Smith costruisce un mix perfetto di thriller e horror

Russia, 1953. Siamo in pieno regime totalitario, un paese perfetto dove il crimine non esiste, come sostengono i guardiani dello Stato. In realtà Leo Stepanovic Demidov, un agente dell’MGB, il Ministero della sicurezza dello Stato, è sulle tracce dell’assassino cannibale di 43 bambini. Riuscirà a incontrarlo prima che possa uccidere il quarantaquattresimo?
Sostenuto, a dispetto delle quasi 450 pagine, da un ritmo martellante e inquietante, è un mix di politica e storia, suspense e horror, investigazione e azione. Nelle sue pagine disperate e struggenti, atroci e ineluttabili, la sirena di allarme per la coscienza e la consapevolezza del lettore suona talmente forte da spaccare i timpani: State molto, molto attenti, accadeva nella Russia stalinista, ma può ancora accadere. Qui e adesso.

"Bambino 44" di Tom R. Smith, Sperling & Kupfer, 444 pagine
 

"L’uomo che voleva essere Francis Scott Fitgerald" di David Handler

L-uomo-che-voleva-essere-Francis-Scott-FitgeraldCadaveri a palate per una ex stella del mondo letterario
Un giallo fresco, intrigante ironico e delizioso, dal finale tutt’altro che scontato

Cam Noyes è uno scrittore geniale, giovane, affascinante e scatenato come un toro durante una corrida. Il suo primo romanzo gli ha permesso di guadagnare fama, donne e milioni di dollari. Sarà compito di Stewart ’Hoagy’ Hoag, ghost writer divorziato e al verde, aiutare il ragazzo prodigio a mantenere il successo e, soprattutto, la calma. Ma non sarà così semplice.
Il passato di Cam non è intriso solo di tequila e coca, ma anche di mistero. E l’inaspettato suicidio di Skitsy Held, la sua prima editrice, non farà che complicare le cose.

"L’uomo che voleva essere Francis Scott Fitgerald" di David Handler, Odoya, 272 pag.

"Adamo" di Ted Dekker

AdamoEva vuole il suo primo Adamo
Qual è la vera natura del male? In un thriller straordinario i confini tra la vita e la morte si confondono

Daniel Clark, profiler e agente speciale dell’fbi, lavora al caso più difficile della sua carriera: Eva. Un serial killer che uccide una donna a ogni luna nuova, secondo un allucinante rituale frutto di una mente estremamente lucida e organizzata, sconvolta da manie religiose. Ma chi è Eva? Nonostante l’accurato profilo tracciato da Daniel, la sua identità resta il più impenetrabile dei misteri. Poi una notte Eva cambia le carte in tavola e Daniel precipita all’inferno. Ma proprio quando l’agente è allo stremo delle forze, Eva compie la più sorprendente delle mosse, costringendolo a rimettere in discussione le proprie convinzioni sulla vita e sulla morte, sul bene e sul male.
Libro dai ritmi frenetici proietta il lettore in un incubo, lo affascina, lo seduce, lo scaglia in un universo parallelo dove l’incredibile appare spaventosamente verosimile.

"Adamo" di Ted Dekker, Mondadori, 342 pag.
 

"I libri di Luca" di Mikkel Birkegaard

I-libri-di-lucaCi sono libri che cambiano davvero la vita
Una libreria antiquaria, una società di lettori dotati di speciali poteri, la magia insondabile delle parole

Nel cuore di Copenaghen, c’è una libreria antiquaria con un curioso nome italiano: I libri di Luca. Quando il proprietario muore di morte improvvisa e violenta, il negozio passa al figlio Jon, un promettente avvocato che da anni non aveva più contatti col padre. Nello scantinato della libreria, dopo il funerale, apprende dal vecchio commesso Iversen un segreto: Luca era stato a capo di una Società Bibliofila e dei cosiddetti Lectores, persone dotate del particolare potere di influenzare gli altri mediante la lettura… Un fantasy thriller intrigante e fantasioso.

"I libri di Luca" di Mikkel Birkegaard, TEA, 440 pag.
 

"Il principe dei ladri" di Chuck Hogan

Il-principe-dei-ladriIl cuore gioca brutti scherzi
Romanzo intelligente, pieno di ritmo e di suspence. Una lettura seducente

Claire Keesey, direttrice di filiale di un istituto di credito di Boston, è presa in ostaggio durante una rapina da quattro rapinatori mascherati. Doug, il cervello della banda, non aveva messo in conto che dal colpo in banca si sarebbe portato a casa anche un cuore ferito. Gli sono bastati pochi attimi per innamorarsi di Claire. Continua a pensarla, dopo la rapina: sa dove abita, la segue, fa in modo di incontrarla, di sedurla. Ma l’fbi è sulle sue tracce…
Dal libro è stato tratto il bellissimo film di e con Ben Affleck.

"Il principe dei ladri" di Chuck Hogan, Piemme, 494 pag.