13 -November -2019 - 04:04

Cerca


Inserisci la tua mail:

Delivered by FeedBurner

"Bambino 44" di Tom R. Smith

Bambino-44Russia 1953. Il crimine non esiste. Chi ha ucciso allora 43 bambini?
Al suo esordio Smith costruisce un mix perfetto di thriller e horror

Russia, 1953. Siamo in pieno regime totalitario, un paese perfetto dove il crimine non esiste, come sostengono i guardiani dello Stato. In realtà Leo Stepanovic Demidov, un agente dell’MGB, il Ministero della sicurezza dello Stato, è sulle tracce dell’assassino cannibale di 43 bambini. Riuscirà a incontrarlo prima che possa uccidere il quarantaquattresimo?
Sostenuto, a dispetto delle quasi 450 pagine, da un ritmo martellante e inquietante, è un mix di politica e storia, suspense e horror, investigazione e azione. Nelle sue pagine disperate e struggenti, atroci e ineluttabili, la sirena di allarme per la coscienza e la consapevolezza del lettore suona talmente forte da spaccare i timpani: State molto, molto attenti, accadeva nella Russia stalinista, ma può ancora accadere. Qui e adesso.

"Bambino 44" di Tom R. Smith, Sperling & Kupfer, 444 pagine