20 -January -2019 - 06:42

Cerca


Inserisci la tua mail:

Delivered by FeedBurner

"Come seme sotto raffiche d'inverno" di Alessandro Izzi

Nove racconti, storie di un piccolo borgo durante il secondo conflitto mondiale. La guerra, la politica gli eventi osservati dal punto di vista delle persone che meno possono capire: i bambini, le donne, gli ultimi, i dimenticati. Nove racconti di ordinaria sopravvivenza, di quando il quotidiano confina con il mito e la speranza di futuro si confonde con l'eterno presente di un mondo che vorrebbe restare uguale a se stesso anche malgrado la guerra. Nove fiabe amare che non vogliono in nessun modo essere una cronaca o una cronologia della drammatica situazione di uno specifico borgo durante l'occupazione nazista, benché in alcuni momenti riconoscibile come Gaeta ma prima di tutto luogo letterario, quanto piuttosto proporsi come un caleidoscopio di epifanie sull'orrore della guerra e sulle conseguenze dell'odio dell'uomo sull'uomo.

"Come seme sotto farriche d'inverno" di Alessandro Izzi, Giovane Holden Edizioni, 128 pagine